domenica 4 novembre 2018

Ho imparato ad amare la bellezza dell'autunno

domenica, novembre 04, 2018 0
L'autunno l'ho sempre sottovalutato: per me era la stagione delle giornate che si accorciano, dell'odiato freddo che inizia, dell'estate che finisce e della scuola che comincia.

Oggi non la vedo più così.
L'autunno al Royal Botanic Garden di Edimburgo 

Per me l'autunno è diventata la stagione dei colori caldi, del mare in tempesta e delle foglie che si tingono di giallo e di rosso, dei tramonti infuocati. Una meraviglia per chi come me adora fotografare. Ma non solo.

É la stagione del divenire: la stagione dei nuovi progetti, delle nuove scelte, delle decisioni da prendere. Una stagione piena di promesse. C'è qualcosa di incredibilmente romantico in questo cambiamento di ritmo e di clima, oggi lo capisco, lo percepisco, lo vivo del tutto diversamente.

L'inverno è l'attesa, la pazienza (e io non ne ho moltissima, voi?), la quiete e la stesura dei bilanci.

La primavera è la stagione del risveglio e della fioritura, dell'istinto che riprende piede, della preparazione alla bellezza, all'estate.

L'estate è la foga, la passione, la realizzazione dei desideri, il fiore rosso in piena fioritura.

Poi l'autunno: la stagione del divenire. La stagione dei nuovi progetti, delle nuove scelte, delle decisioni da prendere; una stagione piena di promesse e di sogni da realizzare. Ho imparato ad amare la bellezza dell'autunno perché forse ho imparato a capirlo un po' meglio, a percepirne i chiaroscuri, i silenzi e le molteplici sfumature, l'ho visto sotto altre luci in diversi continenti e a diverse latitudini. E forse perché sono cambiata un po' anch'io, la sua vera essenza ora non mi sfugge più.
La meraviglia dei gialli autunnali a Cracovia
Regent's Park, un meraviglioso giardino nel cuore di Londra
Ecco alcuni dei miei posti del cuore in autunno! Quali sono i vostri? ❤️
I miei genitori in collina, a Torino - la mia città natale ❤️
Imparando ad amare la bellezza dell'autunno a Edimburgo

Ti piacciono le mie foto? Le trovi insieme a tante altre sul mio canale Instagram, il social che preferisco e su cui sono più attiva 👉Mi trovi lì se vuoi! Grazie di cuore se vorrai raggiungermi 🤗Elisa ❤️



lunedì 22 ottobre 2018

A weekend in Hyères with OuiCar & Campéole

lunedì, ottobre 22, 2018 2
Hello my beauties! I hope that your are all having a fantastic day: today I want to tell you about my fab experience at the Camping Campéole Eurosurf with OuiCar. A fun, sunny, beautiful road trip roaming the French Riviera from Nice to Hyères. This is how we did it!
Fun in the sun at the Presqu'Ile de Giens

Here is our OuiCar for the weekend: an aubergine Dacia Sandero: a true fireball if you ask me! We rented it out on the platform www.ouicar.fr, directly from the owner: let me explain how it works. OuiCar has a peer-to-peer system: you find your area, you pick the car you prefer, make an appointment with the owner and boom, le jeu est fait.
Our ride for the weekend: the aubergine Dacia Sandero

Seaside fun in the sun
This is were we stayed: the Camping Campéole Eurosurf at the Presqu'ile de Giens in Hyères. A lovely facility right on the beach, completely surrounded by nature: waking up with the sound of the sea, tons of palm trees and a lovely sun on our deck was pure beauty!
Camping Campéole Eurosurf

The cabins here are fully equipped and spotless clean: you can bring everything that you need from home and make yourself super-dupa comfortable here. An ideal solution if you want to stay longer without having to spend a fortune! Don't worry, there is a on site Restaurant right on the beach if you want to splurge and enjoy. The Presqu’ile a true corner of paradise, natural and well preserved: a perfect place for relaxing or practicing water sports.

Do you wanna kite with me?
The beginning of October is an ideal time to enjoy this part of France: no more summer crowd, nice little refreshing breeze, warm water. It was basically still summer in Hyères! A true bliss.
Plage de l'Almanarre, Hyères

The Presqu’ile is so natural and well preserved: la Plage de l’Almanarre is just perfect for practicing water sports. This is were we took our first kite surf lesson with Kraken Sports Nautiques. As absolute beginners we didn’t get our feet wet but we practiced on the beach how the kite works: so much fun! Here on my IG channel you can see a video of me kite surfing on the seashore!

Depending on the wind, you will practice at this same spot at the Peninsula or directly at the Camping Eurosurf, were Kraken Sports Nautiques is based: being on a Peninsula is handy, you get to choose were to go depending on the wind so you will never run out of occasions to practice.

A weekend with OuiCar
OuiCar is an inexpensive and handy solution if you at the Côte and you don’t have a car, but still want to go around and visit all the awesome places. Have you ever heard of OuiCar before? Tell me in the comments down below: I’ll be super happy to help should you have any questions. LOVE!

Un week-end à Hyères avec OuiCar et Campéole

Bonjour my Beauties ! J’espère que vous allez bien: moi ça va ca super, aujourd’hui je vais vous raconter mon expérience au Camping Campéole Eurosurf à Hyères avec OuiCar.
Nôtre voiture coup de coeur

La voilà notre super voiture OuiCar for the weekend: une Dacia Sandero couleur aubergine, très pratique et facile a conduire. On l’a trouvé assez facilement sur la plateforme www.ouicar.fr, qui permet de trouver ta voiture coup du coeur et la louer directement chez le proprio ! Celle-ci était à Beaulieu sur Mer, très près de chez nous. La propriétaire, Delphine, super arrangeante et adorable: validé à 100%.
Le porte-clé de ouf ! Voir photo précédente...

C’est beau les pieds dans l’eau !
Se réveiller avec le bruit des ondes, le vent et les palmiers autour de nous, quel bonheur ! Ici on est au Camping Eurosurf à Hyères et c’est un telle merveille.
La promenade qui mène à la plage

Voulez-vous kiter avec moi ?
La Presqu’ile est juste magnifique pour pratiquer des sports nautiques et avec un météo encore estivale c’est exactement ce qu’on a fait! Ici c’est la Plage de l’Almanarre. Octobre c'est très bien pour visiter Hyères, pas trop de monde et la mer encore très chaude.
Ça donne envie, hein ?

Notre initiation au kite surf avec Kraken Sports Nautiques nous a fait littéralement craquer pour ce sport. En tant que débutants on a pratiqué sur la plage mais le prochain step sera les pieds dans l’eau. Voir video sur mon IG pour m'admirer kiter en directe !
Avec Kraken Sports Nautiques, ça plane pour moi !

Un bon plan qui nous a fait craquer
On a vraiment aimé nôtre expérience avec OuiCar: un service très convivial, parfait si vous êtes dans le coin et vous voulez louer une voiture pour visiter. Vous l'avez déjà essayé? Racontez-moi dans les commentaires, et surtout n’hésitez pas si vous êtes curieux ou avez la moindre question!

sabato 22 settembre 2018

Instax Mini 8: l'Instant Camera più bella (in rosa)

sabato, settembre 22, 2018 71
Rosa, satinata e analogica: ecco a voi la mia fedelissima compagna di viaggio, l'adorabile Instax Mini 8, ultima nata della serie Instax di Fujifilm. É molto carina, e assomiglia un po' a un pasticcino gigante: arriva in 7 colori pastello assolutamente irresistibili, e la mia ha il rosa dello zucchero filato!

Instax Mini 8 rosa - foto di Elisa Chisana Hoshi
Instax Mini 8 rosa - foto di Elisa Chisana Hoshi

Apparenza vezzosa e corpo tondeggiante, si tratta di una vera e propria instant cam, che scatta foto e le stampa sul momento, un po' come le classiche Polaroid; le foto della Instax però non sono quadrate, ma arrivano in formato carta di credito, 62x46mm. Si scatta e la foto esce dall'alto, si pigmenta in una decina di minuti stando semplicemente all'aria...non c'è bisogno di agitarla e nemmeno di soffiarci sopra. Puff! 

Lo scatto della Instax Mini 8 - foto di Elisa Chisana Hoshi
Lo scatto della Instax Mini 8 - foto di Elisa Chisana Hoshi

La Instax Mini 8 è una toy-cam istantanea pensata per tutti gli amanti dello scatto vintage, si presenta in una veste molto informale e vanta un utilizzo molto semplice e giocoso. Per accederla si preme semplicemente un bottone che fa balzare fuori l'obiettivo dal corpo, e per spegnerla si spinge indietro l'obiettivo. Tutto molto intuitivo, fresco e divertente.

L'obiettivo della Instax Mini 8 rosa - foto di Elisa Chisana Hoshi
L'obiettivo della Instax Mini 8 rosa - foto di Elisa Chisana Hoshi

L'ottica è fissa, non si può zoommare, e l'otturatore è a 1/60 di secondo. L'unica funzione regolabile è l'apertura del diaframma: al momento dell'apertura un sensore rileva la luce ambientale e un led rosso si illumina, consigliando la modalità da impostare tra Indoor (F12,7), Cloudy (F16), Sunny (F22) e Sunny Bright (F32). C'è anche una modalità che si chiama Hi-Key, che accentua la luminosità e azzera le ombre, per rendere più vitali i ritratti: a dire il vero sto ancora cercando di capire come si usa, per ora mi sembra che conferisca alle foto una patina vintage. Attenzione: da evitare come la peste il controluce, che alla macchina proprio non va giù! Ci ho messo pochissimo a capire che per ogni scatto il sole deve essere alle nostre spalle, altrimenti si formerà una macchiolina di colore sulla foto. Detto questo, ogni volta che si scatta con la Instax MIni 8 è davvero una sorpresa.

Scrapbooking & Fun - foto di Elisa Chisana Hoshi
Scrapbooking & Fun - foto di Elisa Chisana Hoshi

lunedì 2 aprile 2018

giovedì 11 gennaio 2018

Un quartiere inedito di Parigi: il 17esimo arrondissement

giovedì, gennaio 11, 2018 3
Oggi ho il piacere di guidarvi alla scoperta di uno dei quartieri più belli e meno conosciuti di Parigi: il 17esimo arrondissement. Si tratta di quella porzione di città, un po’ misteriosa e sconosciuta ai più, situata a nord ovest, tra Montmartre e l’Arco di Trionfo, proprio ai confini dell’ottavo arrondissement.

Parigi, 17esimo arrondissement - Foto di Elisa Chisana Hoshi
Parigi, 17esimo arrondissement - Foto di Elisa Chisana Hoshi

Un quartiere accogliente ed elegante, ben collegato da fermate della metropolitana - Villiers e Rome (linee 2 e 3) e Place de Clichy (linee 2 e 13) – comode per raggiungere velocemente il centro città, e svariati punti di interesse.

Parigi, 17esimo arrondissement - Foto di Elisa Chisana Hoshi
Parigi, 17esimo arrondissement - Foto di Elisa Chisana Hoshi
Parigi, 17esimo arrondissement - Foto di Elisa Chisana Hoshi

Batignolles: come un villaggio, a nord del cuore di Parigi
Se vi dico Batignolles, che cosa vi viene in mente? A me, prima di vivere qui, veniva in mente questo quadro del Museo d’Orsay.

Il gruppo dei pittori di Batignolles a Parigi
Il gruppo dei pittori di Batignolles a Parigi

Un gruppo di pittori all’opera in uno studio: ecco una parte del gruppo di Batignolles, un insieme di artisti della Belle Epoque che aveva eletto questo quartiere, da poco annesso a Parigi per decreto napoleonico, a sua dimora. Innumerevoli pittori, poeti e scrittori, tra cui Manet, Verlaine, SimenonZola e Jacques Brelper citarne solo alcuni, scelsero di vivere qui per trovare pace e ispirazione. 

A spasso per il 17esimo arrondissement - Foto di Elisa Chisana Hoshi
A spasso per il 17esimo arrondissement - Foto di Elisa Chisana Hoshi
A spasso per il 17esimo arrondissement - Foto di Elisa Chisana Hoshi

Lontano dal trambusto del centro di Parigi - ma ottimo per muoversi lungo tutta la Rive Droite della città - oggi Batignolles è riuscito a mantenere la sua magica dimensione completamente a sé stante, come un villaggio alle porte della città. Il cuore del 17esimo arrondissement, con le sue ricche dimore storiche e vie pedonali, è molto chic e mai pretenzioso. Pullula di chioschi e negozietti, boutique artigianali e piccoli atelier, laboratori e gastronomie con specialità locali che si tramandano di padre in figlio.

A spasso per il 17esimo arrondissement - Foto di Elisa Chisana Hoshi
A spasso per il 17esimo arrondissement - Foto di Elisa Chisana Hoshi

lunedì 14 agosto 2017

A Lisbona per la prima volta

lunedì, agosto 14, 2017 6
Sto per partire per Lisbona per la prima volta! Invece di fare le valigie leggo le parole del poeta portoghese Eugenio de Andrade:

"Qualcuno dice lentamente: 
La conosci, Lisbona…? 
La conosco. E’ una giovane scalza e leggera, 
un vento improvviso e chiaro nei capelli, 
una piccola ruga intorno ai suoi occhi, 
la solitudine si apre nelle sue dita e sulle sue labbra, 
scende le scale, tante scale, 
tante scale fino al fiume. 
Io la conosco. E tu, la conosci?" 
Eugenio de Andrade

Lisbona ancora non la conosco, Eugenio. Ho letto Pessoa - che di Lisbona è figlio e tante volte mi ha aperto gli occhi sul cambiamento e sul viaggio - ma a Lisbona non sono mai stata. Ma verrò a conoscerla prestissimo. Anzi, sai che ti dico? Parto domani.
L'anima marinara di Lisbona, la città di Pessoa - by Alexander de Leon


giovedì 27 ottobre 2016

martedì 6 ottobre 2015

In Giordania, tra stupore e meraviglia: la mia Petra

martedì, ottobre 06, 2015 7
Sono da poco tornata dal mio viaggio in Giordania: ho trovato un paese affascinante, ospitale e accogliente, pieno di straordinarie sorprese. Per raccontarvela ho scelto di partire dal pathos più intenso e dai colori più indelebili: quelli di Petra.

Petra e il suo incommensurabile Tesoro - foto di Elisa Chisana Hoshi
Petra e il suo incommensurabile Tesoro - foto di Elisa Chisana Hoshi

Che cos’è Petra?


Mitica città rosa, custode del Tesoro, musa dimenticata per secoli sotto la sabbia del deserto, porta maestosa e scenografica che conduce a un’altra dimensione che ha affascinato intere generazioni: che cos’è Petra, esattamente?

Il mistero di Petra - foto di Elisa Chisana Hoshi
Il mistero di Petra - foto di Elisa Chisana Hoshi

Petra è uno di quei posti in bilico tra realtà e leggenda, che hanno il potere di travalicare lo spazio e il tempo: è un unicum, non è come nessuna. E nessuna è come lei.

venerdì 2 ottobre 2015

Un weekend di benessere e relax a Villa le Maschere

venerdì, ottobre 02, 2015 4
Ci sono momenti in cui quello che ti serve è staccare la spina per rifugiarti in un posto speciale, come è stato per me a Villa le Maschere, hotel di charme e splendida villa Rinascimentale seicentesca in Toscana. Il luogo ideale per rigenerarti, fare il pieno di bellezza e ricaricarti di nuove energie.

La villa

La villa è meravigliosa sia all'interno che all'esterno, e su di me ha avuto un effetto terapeutico: un tuffo e una nuotata nella magnifica piscina incastonata tra le colline di Barberino di Mugello e puff! Tutto lo stress accumulato da settimane se n'è andato all'istante, come per magia.

Nuotando nella master pool di Villa le Maschere - foto di Elisa Chisana Hoshi
La villa è molto elegante e particolare: lo si capisce da subito, quando già dall'ingresso stupisce con la sua facciata decorata sui toni del giallo e dell'ocra, istoriata con fregi e 22 maschere scolpite dalle mani dei mastri fiorentini.



Villa le Maschere - foto di Elisa Chisana Hoshi

giovedì 10 settembre 2015

Un grande viaggio: alla scoperta della Giordania!

giovedì, settembre 10, 2015 4
Finalmente posso condividere con voi una grande emozione: quella della partenza! Domani si apre infatti una favolosa avventura e un grande viaggio che mi porterà alla scoperta della Giordania in un Press Tour organizzato dall'Ente del Turismo della Giordania.
Alla scoperta della Giordania - cooljordanus.blogspot.com
Il programma è ricchissimo e ci porterà attraverso deserti, canyon e siti storici del paese: da Petra e Amman attraverso il deserto del Wadi Rum, fino alle leggendarie acque Mar Morto, avrò modo di esplorare gran parte del paese e di condividere con voi le mie impressioni di prima mano, raccontandovi quello che vivrò sulla mia pelle.

Comincio da subito: questo è un viaggio cui tengo particolarmente e per cui ho dovuto tener duro. Per via del peggioramento improvviso e inaspettato di una mia condizione medica sono stata molto male nei giorni scorsi. In preda alla sinusite, un'infezione alle vie respiratorie ("Ti piace prendere l'aereo, vero Elisa?") e con la febbre altissima sono finita in ospedale, dove un medico speciale ha saputo trarmi d'impiccio, curandomi al meglio e permettendomi di rimettermi in piedi in tempo per la partenza. Il mio George Clooney preferito! Questo è stato davvero l'anno dei sogni che si realizzano: e allora eccomi qui, pronta per questo grande viaggio!

Per ora è tutto. Non sono mai stata in Giordania ma le mie aspettative sono molto alte: parliamo del paese di Rania, donna meravigliosa e Regina di Giordania (da sempre uno dei miei grandi modelli femminili) nonché esempio di convivenza pacifica e civile. Una meta che mi affascina con scenari da sogno e atmosfere oniriche: è uno di quei posti impossibili da immaginare, e che bisogna assolutamente visitare di persona.

Farò del mio meglio per raccontarvelo, promesso! Se volete seguirci troverete gli aggiornamenti del viaggio in tempo reale sui canali social di Treasures e anche su quelli dell'Ente Giordano, con gli hashtag ufficiali del tour: #GoJordan e #ShareYourJordan.

@elisachisanahoshi

Follow Me