Vinci il Topkapi e Santa Sofia!

Eccomi a voi per il regalo che vi avevo promesso!

Per Natale ma non solo: in realtà è un pensiero per ringraziare voi che mi seguite nelle varie peregrinazioni e (magari) per darvi un piccolo spunto per andare a visitare la città che è stata la mia casa per un anno e mezzo: la mirabolante Istanbul.

1. Il regalo: Topkapi e  Santa Sofia
Per la vincitrice, o il vincitore:

Due biglietti per visitare l'antica residenza del Sultano, il Topkapi Palace a Istanbul
Istanbul, Topkapi Palace

Più due biglietti per visitare la meravigliosa basilica di Santa Sofia a Istanbul
Basilica di Santa Sofia, Istanbul
2. Come si fa per averli? Raccontami che cosa rappresenta per te Istanbul! 
Per accaparrarvi il regalo vi basterà condividere questo post e diventare fan sulla fanpage di Facebook, se già non lo siete! Lasciate un commento con la vostra email qua sotto tra i commenti e uno sulla fan page, dicendo in tre parole che cosa rappresenta per voi Istanbul!

Sceglierò il commento più bello e ispirato, che riceverà direttamente a casa il regalo! ;-)

3. Chi può partecipare? Tutti!
Chi a Istanbul è già stato e vorrebbe tornarci, chi ha in mente di andarci o chi semplicemente la sogna...

4. Fino a quando c'è tempo?
Avete una settimana di tempo! Domenica prossima (16 Dicembre 2012!) a mezzogiorno si chiuderanno i giochi...e partirà la busta con il regalo.

5. Pronti? via!
Buon divertimento e Buon Natale a tutti! Un bacio grande da Ho Chi Minh City (la busta partirà dall'Italia...l'ho preparata prima di partire, così con un po' di fortuna vi arriverà in tempo per Natale!). Non vedo l'ora di leggere tutti i vostri commenti!

6. Intanto, per ispirarvi: che città è Istanbul?
Una città che dovete assolutamente visitare. Una città grandissima, colorata e misteriosa, già capitale di due imperi e protagonista degli immaginari esotici di mezzo modo. L’unica al mondo a cavallo di due continenti. Una città splendida che ha tantissimo da offrire, e che ha affascinato generazioni di viaggiatori.

Il famoso viaggiatore Alexander Von Humboldt , due secoli fa, annoverava il paesaggio dell’allora Costantinopoli tra i più belli di tutto il mondo, paragonandola alle Napoli e Rio De Janeiro di quei tempi. Mark Twain rimase fulminato dal fascino ambiguo e sempiterno della Basilica delle Mille e una colonnaEdmondo De Amicis e Lord Byron si emozionavano entrando nel porto brumoso della città, arrivando a bordo delle loro fregate.

Da Bisanzio a Costantinopoli, tutti sono passati di qui: poeti e scrittori, avventurieri e teologi…la lista completa sarebbe lunghissima! Qualcuno l’ha amata alla follia, qualcuno l’ha odiata perfino un po', e qui penso allo scrittore francese André Gide, che nutrì un sentimento di avversione nei confronti della città (per lui era "troppo") e lo raccontò nelle sue cronache.

Penso anche all’amour fou di Pierre Loti, altro poeta e avventuriero francese, stregato dalla bellezza della città e anche dallo sguardo delle donne anatoliche, amaro protagonista di una delle storie più romantiche e terribili mai successe in questa città.

Quel che è certo, è che nessuno è rimasto indifferente. Come si portrebbe davanti a una città così piena di fascino, profumi e colori? Una città a dir poco strabiliante. Il canto dei muezzin sullo sfondo di un tramonto viola, la torre di Galata, una tazzina di chay fumante, i mille colori del Bosforo, il suo vento profumato di salsedine che si alza all’improvviso a tutte le ore.

Contando tutta l’area urbana, qui ci sono quasi 20 milioni di persone (e di anime), secoli di storia che si ingarbugliano. Resta uno dei porti più belli del mondo da visitare, ma sicuramente non uno dei più facili da vivere. E’ per molti versi una giungla d’asfalto, presa d’assalto dal traffico e da tassisti maleducati e privi di scrupoli. Le zone famose e turistiche – come la celeberrima Sultanahmet – sono a dir poco splendide, ma sono anche per molti versi delle trappole per turisti: sempre pienissima di gente e di ristoratori pronti ad approfittarne. Ma che volete farci: Sultanahmet è talmente bella...proprio qui troverete il Palazzo Topkapi e Santa Sofia, a due passi dalla Basilica Cisterna.

Poi c’è l’altra faccia della città, quella che sulle mappe e sulle guide non trovi: la Istanbul dei quartieri che si affacciano sul Corno d’Oro e delle Isole dei Principi, quella della parte asiatica, quella che si affaccia sul Mar Nero. Se me lo chiedete la parte della città che preferisco sono i quartieri di Fener e Balat...ma anche le Isole dei Principi esercitano su di me un fascino particolare. Non trovo davvero le parole per descrivervi la profonda meraviglia e il fascino di questi luoghi. Chi non l’ha mai fatto, dovrebbe assolutamente venire a vedere con i suoi occhi!


La meravigliosa Fener: i suoi colori, il suo stile. Istanbul sa essere di una bellezza struggente
Domenica 16 Dicembre: and the winner is... Serena Puosi!
Grazie a tutti per aver partecipato. 

Commenti

  1. All'avanguardia ma nel rispetto delle tradizioni, profumata (ricordo che mi sarebbe piaciuto andare in giro ad occhi chiusi e lasciarmi guidare solo dagli odori) e indimenticabile (almeno per me!)
    pozzibeatrice@hotmail.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie del bellissimo commento, Beatrice! :D

      Elimina
  2. Ok, il mio commento! Incantevole, da sogno!
    3 parole...non ci sono mai stato ma me la figuro così!
    Nencio

    nencio.dandolo@hotmail.com

    RispondiElimina
  3. Mistica, cosmopolita, eterna.
    Me la immagino così sebbene non ci sia mai stata!
    Denise
    orchidfever@gmail.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Denise cara, grazie mille del commento! Good vibes :D

      Elimina
  4. wow, dalle tue descrizioni Istanbul è meravigliosa!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si si, è meravigliosa, confermo! :D
      Tu come la immagini? Se vuoi prova a descrivermela anche tu...3 parole :D

      un bacio!

      Elimina
  5. Caotica ma metodica...:-D

    sebastard7@hotmail.it

    RispondiElimina
  6. Non sono mai stato ad Istanbul...ma da quando ho visto un video su questa cita me ne sono innamorato....mi ha sempre colpito il fatto che questa città si trova su due continenti....per descriverla con 3 commenti dire unica,magica e sorprendente! :)
    Luigi
    livolsil@yahoo.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. perfetto, grazie mille del commento Luigi! :D

      Elimina
  7. "Un indimenticabile ponte sull'eternità" !
    Istanbul è anche il Bosforo... quando ci tornerò lascerò la vecchia me a Ortakoy per ritrovarmi nuova a Beylerbeyi....e basterà lasciarsi travolgere dalle sue meraviglie e dalle sue contraddizioni!
    sara_angela04@yahoo.it

    RispondiElimina
  8. Muezin (in qualsiasi punto della città tu sia, lo puoi sentire d è magico), Dorata (si passa dal dorato di Santa Sofia a quello di un tramonto dopo una bella giornata sul bosforo) e Multisensoriale ( :-D detto così forse sembra un pò stupido ma istanbul è una città che va vista, va assaporata perchè non si può non bere un thè turco o assaggiare un lokkun o un kebab, va annusata ed è impossibile non sentire il profumo dei thè, delle spezie o dei saponi nei bazaar o per strada...va sentita perchè è impossibile non sentire il muezin, o i venditori ambulanti di noccioline o di biglietti della lotteria...e poi va toccata...)!!!
    Mi sono dilungata un pò ma le parole sono 3 eh...ma del resto è la città che amo e in cui vivo!
    Elena
    Cervo_Elena@libero.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai fatto benissimo Elena! bel commento, grazie!

      Elimina
  9. La mia Istanbul è un sogno non ancora realizzato. Gli ingredienti del sogno sono profumi, di spezie e di mare, e colori, vividi e profondi insieme. Una spruzzatina di Napoli, la mia città, perché tutti i porti del Mediterraneo si assomigliano. Ma la ricetta finale ve la potrò dare solo dopo averla cucinata...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. WOW! Non vedo l'ora di assaporare la tua Istanbul, Carlo!
      :D

      Elimina
  10. Vista attraverso Elisa...
    (non essendoci ancora stata!)
    silvia.d@libero.it (da Dolceacqua)

    RispondiElimina
  11. "Forse via stopover"
    Perchè quando programmi una partenza per la Cambogia con atterraggio a Bangkok (vuoi non attraversare il confine via terra?) e volo Turkish facendo scalo per 24 ore a Istanbul solo per creare un diversivo e vedere la città...forse non sei troppo normale. Ma ti piace così :)

    cabiria.magni@gmail.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...sounds just like something I would do... ;-) awesome, grazie Cabiria!

      Elimina
  12. Una città piena di piacevoli contrasti.
    Ho letto tanto, ho visto ancora di più tramite le immagini ma non siamo riusciti a incontrarci.
    Per 2 volte in 2 anni ho avuto biglietto aereo in mano e alloggio prenotato.
    Forse perchè mi sfugge così ne sono attratto in modo assurdo!

    viaggiovero@gmail.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che sia arrivata la volta buona, Cristiano? :D grazie per il tuo commento, un bacio!

      Elimina
  13. Sono anni che cerco di raggiungere Istambul non riuscendoci. C'è sempre stato un intoppo, un imprevisto, un incidente.
    Mano a mano che il tempo passa, anziché rinunciare a questo sogno, il desiderio di viverla è sempre più forte. Forse avevo programmato il viaggio con la persona sbagliata. Forse no era il momento. Ora sono pronta.

    Istambul: desiderata, magnetica, animata.
    Un abbraccio!
    Sere (serenamercoledi@gmail.com)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Serena! Quando la raggiungerai sarà il momento giusto, come dici tu...e sono certa che te ne innamorerai profondamente. grazie per il bellissimo commento, un abbraccio a te!

      Elimina
  14. Istanbul per me è casa, è una contraddizione vivente, è amore e odio.
    Guarda io partecipo ma i biglietti non li voglio perchè meritano tutti di vedere quei gioielli almeno una volta... e io ho già dato :))
    Baci
    Chiara
    chiara.nappini@gmail.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie del tuo spirito di condivisione Chiara. Davvero. Sono certa che il tuo bellissimo commento sarà di ispirazione per gli altri. Non potrebbe assere altrimenti, dato che ci vivi...
      grazie tantissimo.
      Elisa

      Elimina
  15. Istanbul ti riempie il cuore e l'anima e quando sei lontana soffri di mal d'Istanbul! E' unico e meravigliosamente solare, caldo, polveroso, colorato, limpido l'abbraccio che Istanbul ti regala in estate ma altrettanto unico, malinconico, velato quasi ovattato,spesso bagnato, frizzante, freddino (per le temperature) quello che ti avvolge in autunno inoltrato ed in inverno...entrambi sono veri, unici, vitali e ti scaldano il cuore come il più folle e grande degli amori...Istanbul è uno di quegli amori che durano per tutta la vita...per sempre
    Elsa - elsa11@libero.it

    RispondiElimina
  16. E' l'unica città dove vivrei oltre Roma, l'unica che mi emoziona ogni volta che vado. Riesce a stupirmi e a sorprendermi anche in strade che conosco da sempre. Ci sono stata 7 volte, ogni anno un esperienza diversa, con compagni diversi. Ho i miei momenti, i miei riti e poi quelli che posso dividere con gli altri. E' una dimensione molto personale, forse anche per questo non ne parlo molto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie tantissimo per averlo condiviso con noi Francesca, con queste parole stupende che hai saputo trovare. Capisco molto bene quello che descrivi...
      Elisa

      Elimina
  17. Costantinopoli è una donna dall’età indefinibile, il cui fascino orientale comincia a stordirti ancor prima che tu vi giunga..
    E’ importante, è solenne, è maestosa eppure è più ospitale del tuo stesso quartiere, della tua stessa città.
    Ti osserva, ti affascina, ti stordisce ma non ti respinge mai, e il suo è un abbraccio dolce, materno.
    Quando arrivi hai il cuore pesante e il fiato corto: hai tante domande su te stesso.
    Lei ti darà le risposte, non quelle che vorresti sentire piuttosto la verità da cui ti stavi nascondendo, l’ombra da cui stavi fuggendo.
    Per un attimo ti mancherà il terreno sotto i piedi, ma non cadrai.
    Perché Istanbul ti tiene ancora fra le sue braccia, un abbraccio caldo, forte, di chi ti vuole bene.

    RispondiElimina
  18. Anche per me Istanbul è donna! Ne sono convinta, solo così si spiegano il suo fascino, le sue malìe, le sue mille risorse...
    Grazie infinite Beppe.

    RispondiElimina
  19. Istanbul in 3 parole per me è...

    Speziata
    Cangiante
    Crepuscolare

    Grazie per questa bella riflessione sulla città che ti ha ospitata così a lungo e Buon Natale anche a te!
    La mia mail:
    thegirlwiththesuitcase@gmail.com

    Silvia

    RispondiElimina
  20. Grazie a te Silvia per il commento bellissimo! Un grande abbraccio :D

    RispondiElimina
  21. Istanbul è' dove il tramonto è un po' più rosa.
    E' dove l'odore del mare e del pesce appena pescato te lo senti dentro, oltre che fuori.
    E' dove le luci colorate delle lampade da appendere dipingono riflessi dorati sui muri.
    E' dove ti puoi perdere per ritrovarti.
    E' dove l'ordinario diventa straordinario. Perchè in quel preciso istante in cui sei affacciato verso il Bosforo dal Ponte di Galata sei a metà tra due mondi, ed entrambi, in quell'istante, sono lì per te.
    audrey
    http://audreyinwonderland-audrey.blogspot.co.uk/
    mail: amry_m@libero.it
    pagina fb con la condivisione:
    http://www.facebook.com/pages/Audrey-in-Wonderland/309127029105304?ref=hl#!/pages/Audrey-in-Wonderland/309127029105304

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ohhh!
      grazie mille del tuo commento cara Audrey!
      :D

      Elimina
  22. Istambul in tre parole è:

    Sincretica
    Luminosa
    Sensuale

    una città dove la storia è più viva che mai ma la modernità fortissima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Ericaaaa! Sensuale...non ci avevo pensato! Ma in fondo è vero.
      ;-)

      Elimina
  23. Ed eccomi a voi...

    Grazie a TUTTI dei commenti!
    Scegliere è stato difficilissimo, ma la mia anima romanticona, alla fine ha prevalso! :D

    RispondiElimina
  24. E brava Serena, ti auguro di riuscire a raggiungere presto Istanbul!

    RispondiElimina

Posta un commento