Edimburgo mon amour - le nozze scozzesi

Eccoci di ritorno dalle nozze scozzesi!

E' stato meraviglioso...non me lo aspettavo così. Anzitutto perché non avevo mai assistito a un rito umanista, che, a quanto pare, in Scozia va per la maggiore. E poi perché Edimburgo è davvero una città a dir poco meravigliosa, sotto tutti i punti di vista.


Vivibile, affascinante, verde e fresca. Passare dai 36 gradi di Istanbul ai 13 di Edimburgo non è stato uno scherzo, ma in realtà ci siamo abituati subito. Per fortuna non è piovuto, e siamo riusciti a recuperare tutti i pezzi di vestiario che mancavano al nostro outfit. Il cielo era un po' grigio, ma l'atmosfera della città era comunque caldissima



Sono successe un bel po' di cose belle: ho rivisto cari amici che non vedevo da una vita, ho incontrato e fatto due chiacchiere con Jacques Dutronc (uno dei miei idoli di sempre!) all'angolo di una via di Stockbridge... Chi avrebbe mai pensato che l'avrei incontrato proprio qui


In molti si staranno probabilmente ancora chiedendo che cosa sia il rito umanista che ho menzionato prima: è un rito civile che viene celebrato ovunque si scelga di farlo, in qualsiasi location a scelta dagli sposi. I voti non sono le solite formule, ma vere e proprie promesse, o pensieri, scritti dagli sposi stessi. Poetico e personale, il rito racconta l'amore degli sposi, la genesi della loro storia d'amore, il perché delle loro scelte, in tutto in presenza degli amici e dei testimoni degli sposi. 


La location scelta dagli sposi era già di per sé molto speciale ed emozionante: una chiatta attraccata al porto di Edimburgo. Un violino, un grammofono, le poesie lette dagli amici e dai parenti. Emozionante


Il grammofonista, tra l'altro, è anche uno stilista di cappellini. Ecco uno dei suoi modelli indossato da una delle (meravigliose) sorelle della sposa. 


E questa sono io, che brindo con il mio simpatico amico di kilt vestito ;-) Niente cornamuse


Lui, invece, indossava una cravatta di legno! :-)


Eccomi con Richie: guanti bianchi, cintura e accessori trovati direttamente nei vintage charity shops di Edimburgo. C'è anche una giacca bellissima che qui non indosso. Richie indossa l'abito da sposo di mio papà: anno domini 1974


Dopo i voti e le firme di rito c'è stato il pranzo-cenetta a base di frutti mare al ristorante, a due passi dal porto. C'era la scelta tra carne e frutti di mare a dir la verità, ma io mi sono gettata "a pesce" suoi secondi, ovviamente!


Finito di mangiare la festa si è spostata in un salone fotografico allestito a festa: torta nunziale, birra, whiskey e balli celtici a volontà...


Io non sono precisamente una patita di matrimoni e affini, ma la festa è stata a dir poco superlativa, e il matrimonio davvero emozionante. Con Edimburgo è scattato un amore, un feeling profondissimo: se riusciamo torniamo in Scozia a settembre, cominciamo ad attivarci da subito per farlo succedere davvero... Love!

ps Domani giovedì 18 luglio 2012, inauguriamo Vivo viaggiando...alle 15 ora italiana, mi raccomando...
non mancate!

Per festeggiare, ecco una delle canzoni di Jacques Dutronc che preferisco! 

Commenti

  1. Ma che belle foto! mi hai fatto venire voglia di andare ad edimburgo! il matrimonio sembra essere stato davvero piacevole e particolare, almeno diverso dalle solite cose a cui siamo abituati qui in Italia...
    Jacques Dutronc...pazzesco...avevo studiato proprio quella canzone a scuola durante l'ora di francese...

    un bacio,

    Alessia

    RispondiElimina
  2. Ciao Alessia!! Grazie per essere passata a trovarmi :D
    Edimburgo è davvero stupenda, non vedo davvero l'ora di ritornarci!
    Allora conosci il mitico Dutronc, fantastico! Non ti dico che sorpresa incontrarlo in un posto così estemporaneo...sai che sono andata a salutarlo? ahah! Gli ho anche chiesto se voleva unirsi a noi, e venire al matrimonio, peccato che abbia rifiutato. Non sarebbe stato mica male averlo come musico! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bhè un super ospite come cantante al matrimonio non sarebbe stato da tutti i giorni!

      Elimina
    2. esatto! :D peccato che abbia rifiutato... beh, Ale: spero tanto di incontrarti al mio ritorno a Torino - la notte di san Lorenzo!, se non sarai ancora andata in vacanza. Un bell'aperitivo in centro non ce lo toglie nessuno!

      Elimina
    3. guarda ancora non so dove sarò e cosa farò, ma se sarò a Torino verrò volentieri!

      Elimina
  3. Interessante pezzo di informazione. Utile per la mia ricerca in corso sul tema

    RispondiElimina

Posta un commento