Oggi (non) si festeggia

Oggi in Turchia è un giorno speciale: Gençlik Bayramı, ovvero la festa della gioventù, ed è anche il compleanno del papà della Turchia, Mustafa Kemal Atatürk. Un giorno importante. La città è vestita a festa, ci sono bandiere ovunque ed è bellissimo.


Eppure in cuor mio, oggi, non me la sento di festeggiare. Sono indignata, triste e senza parole dopo aver appreso dai giornali dello scellerato attentato alla scuola di Brindisi: due ragazze sono morte, e sono morte per niente. Sono morte per l'odio e l'efferatezza di chi mette le bombe davanti a una scuola. Una scuola! Non ci sono parole, solo tanta tristezza e indignazione. Sono lontana, sono a Istanbul, ma sono vicina con tutto il cuore ai familiari di queste vittime innocenti, so che cosa vuol dire trovarsi intrappolati dentro a una tragedia, e lo dico senza ombra di retorica, i ricordi del terremoto in Giappone sono come tatuaggi sulla mia pelle

Quello che è accaduto stamattina è gravissimo. Mafia o meno, a me tornano alla mente Falcone e Borsellino, e le parole del magistrato Antonino Caponnetto

"La mafia teme più la scuola della giustizia. L'istruzione toglie erba sotto i piedi della cultura mafiosa" 1994. 

Commenti

  1. Mi associo al tuo post e alla tua solidarietà.

    RispondiElimina
  2. Grazie Simone. La tua presenza qui mi è sempre cara e preziosa.

    RispondiElimina

Posta un commento