Nel terremoto in Giappone. Se la terra trema.


Ieri era l'undici di marzo, il giorno prima del mio compleanno.
Ieri il Giappone è stato colpito dal terremoto più grande della sua storia, il più grande che le strumentazioni abbiano mai registrato.

Un paese è fatto di persone che lo abitano. E, quando si dice che “il Giappone è stato colpito dal terremoto” si intende che le creature che lo abitano sono state colpite, segnate, tagliate, punte, scosse, quando non uccise, per sempre. La terra si è mossa, tutto si è mosso, oscurato. E l’abbiamo sentito eccome. Eravamo tutti nel pieno delle nostre giornate, delle nostre vite.

Un attimo prima della scossa, i corvi sono volati via. I cani hanno ululato. La terra, direttamente dale viscere, ha emesso un forte boato. E poi tutto ha cominciato a muoversi, a sbattere, poi a cadere.

Quando la terra trema le tue certezze si dissolvono. Puff. 
Come non fossero mai esistite.

Dove sono i punti cardinali, verrà giù proprio tutto, si fermerà mai, trema tutto, abbiamo paura, che succede agli altri, che succede laggiù dove non si vede? Usciamo. Per strada c’è pieno di gente, con gli occhi a cercare anche loro un punto fermo dove aggrapparsi ma non c’è, tutto trema, e tu non sai dove aggrapparti, perché tutto trema, trema la terra e tu con lei.
Ma prima di uscire, dentro, nella casa, nella scuola, nel treno, nell’ascensore…Tutto ancora si smuove e sbatte e stride, come su una nave quando c’è il mare mosso, ma il mare non c’è, non siamo su una nave, questa è la terra, la terra non si muove così.

Per sentirmi meglio, durante le scosse, pensavo di essere un albero. Pensavo, hai radici salde, non ti sradicherai. Anche se tutto si muove. Siamo alberi. Siamo lontani dall’acqua.
Non c’è il mare, non c’è il mare…

Commenti

  1. la paura e' fonte di belle parole cosi la si sconfigge
    Cri

    RispondiElimina
  2. ...E' un pensiero davvero bellissimo. Grazie Cri.

    RispondiElimina
  3. Acqua, ,Terra, Vento e Fuoco. Alberi, Animali, Uomini e Donne.Natura. Tutto il resto, niente altro che oggetti, comodi e belli, ma solo oggetti, in questi momenti dove ciò che domina è la vita. La vita è resistenza. Coraggio Elisa, forza e cuore! da luciana

    RispondiElimina
  4. Cara Luciana, hai colto nel segno...e' proprio cosi'.
    Gli animali lo sapevano che stava arrivando un terremoto. Non o come, o perche', ma e' cosi'. Tutte le mattine, da che ho messo piede in questo paese, i corvi mi svegliano con il loro gracchiare rumoroso. Appolaiati sui pali della luce. Ieri mattina, silenzio, In giro, neanche un corvo. E i cani, come ululavano, prima della scossa. Incredibile
    Un abbraccio, e grazie!

    RispondiElimina
  5. pinella caruso13 marzo 2011 02:58

    Ciao Elisa,
    sono felice di avere tue notizie, siamo stati molto preoccupati per te....coraggio!! ti abbraccio forte forte

    Pinella

    RispondiElimina
  6. Cara Pinella, noi stiamo bene! Abbiamo passato momenti difficili, ma oggi ci siamo svegliati con un sole stupendo, e un rinnovato ottimismo. Un forte abbraccio!

    RispondiElimina
  7. Ciao, come state? Cosa succede adesso? Non ho osato scriverti prima perchè ho pensato che avessi già troppi a cui rispondere. Un abbraccio forte!
    Un mio amico dell'adolescenza vive da tanti anni a Tokio, ma anche di lui non ho notizie. Si chiama Dario Ponissi. Speriamo in bene! Adesso provo a cercarlo su Facebook.
    Mi è capitato solo alcune volte nella vita di sentire un terremoto. Niente di che, ma mi ricordo ancora lo stupore, la sensazione di essere niente in balia di forze vere, reali, inimmaginabili. E, in un certo senso, di farne parte, perchè noi quello siamo: terra, acqua, aria, fuoco... Però che paura perdere l'idea faticosamente costruita nei millenni occidentali, di supremazia sulla natura, lol! Ti abbraccio di nuovo, resisti!
    Giuliana

    RispondiElimina
  8. Cara Giuliana, la terra trema ancora a tratti, ma ora siamo preparati. La corrente c'e' a tratti, e la gente e' barricata in casa per paura del cesio...Sappiamo del rischio nucleare, e teniamo i nervi saldi. Oggi mi sono procurata un po'di benzina, e domani vado a scuola a vedere!
    Un bacio

    RispondiElimina
  9. Coraggio Elisa, un abbraccio...
    speriamo che passi presto questo momento di incertezza, di allarme...
    dacci sempre notizie.
    Gabriella.

    RispondiElimina
  10. Grazie mille Gabriella, lo spero tanto anch'io. Abbiamo il fiato sospeso...Un bacio

    RispondiElimina
  11. Ciao,

    sono davvero felice di sapere che state bene.

    "La vita, amici, è l'arte dell'incontro ..." e spero di incontrarvi di nuovo molto presto.

    Alessandro

    RispondiElimina
  12. ahhh Ungaretti :D
    Caro Alessandro, che enorme piacere sara' rivederci! A presto!

    RispondiElimina
  13. Cara Elisa, sono felice che tu stia bene. Tieni duro. Un abbraccio.

    Marco da Genova

    RispondiElimina
  14. Grazie Marco! Non vedo l'ora di vederti, di raccontarti al passato di questi giorni bui e difficili... Ci vediamo presto a Genova!

    RispondiElimina
  15. cara elisa, ti pensiamo e ti aspettiamo.
    Cosa pensate di fare? cari saluti Irma e Tommaso

    RispondiElimina
  16. Cari Irma e Tommaso!
    Stiamo facendo del nostro meglio per tornare sani e salvi! siamo a Tokyo! domani ci dirigiamo all:aereoporto...forza e coraggio! a presto!

    RispondiElimina

Posta un commento