lunedì 31 gennaio 2011

Tokyo e le trippe di Pomodoro

lunedì, gennaio 31, 2011 3
Arnaldo Pomodoro

Vi piace lo scultore Arnaldo Pomodoro? Io amo quelle sfere di bronzo levigato - arance a orologeria che ci lasciano intravedere parte del loro meccanismo - e obelischi che abbandonano la perfezione delle colonne per mostrarci le interiora, in un intricato guazzo di garbugli e filamenti.

Sono cuori rivelatori di quel che si nasconde nelle viscere di città che si sforzano invano di sembrarci pulite e ordinate, ma che in realtà nascondono grovigli e incastri. Che cosa si cela dietro a quelle mura? Quei palazzoni, nati come funghi e tutti uguali, cos’hanno al loro interno? Che cosa li tiene su? Forse la risposta è racchiusa proprio tra le fratture di questi obelischi, frecce e sfere.

Arnaldo Pomodoro

Arnaldo Pomodoro

Arnaldo Pomodoro

Pomodoro è uno degli scultori contemporanei italiani più amati nel mondo. Pioniere dell’arte informale e maestro indiscusso nella lavorazione del bronzo, qui in Giappone è amatissimo da sempre, tanto da essere stato insignito, nel 1990, del Praemium Imperiale, ossia il “Nobel” nipponico per l’arte.

Uno stile inconfondibile, il suo: non c’e’ nemmeno bisogno della firma, o della targhetta con il nome da leggere. Lo vedi e sai che è lui! Un po’ come Botero, con le sue forme e volumi dilatati a dismisura…

Ferdinando Botero

lunedì 24 gennaio 2011

Come, e meglio, del tenente Colombo: Family Plot!

lunedì, gennaio 24, 2011 1
Family Plot by Alfred Hitchcock - Complotto di Famiglia
Family Plot by Alfred Hitchcock - Complotto di Famiglia

Farsa, giallo, o film d’azione? Un mix. 
Una medium bionda e imbrogliona e il suo amichetto, un sedicente attore smilzo che guida il taxi e che ogni tanto, per dare una mano alle di lei tresche, s’improvvisa detective; un antiquario-rapitore dagli occhi blu, il sorriso sadico e il pallino del collezionismo, e la sua complice, la bruna fatalona. Eccolo il quartetto di protagonisti da commedia dell’arte, opportunamente corretto in chiave moderna, che si muove in una San Francisco che a tratti sembra un po’ Los Angeles.

Family Plot by Alfred Hitchcock - Complotto di Famiglia
Family Plot by Alfred Hitchcock - Complotto di Famiglia

Ciak! Siamo sotto i riflettori dell’ultimo film Hitchcock: Family Plot ovvero Complotto di famiglia, realizzato dal regista nel 1976.

Family Plot by Alfred Hitchcock - Complotto di Famiglia
Family Plot by Alfred Hitchcock - Complotto di Famiglia

Un piccolo capolavoro di ironia, suspense e frizzante humour nero. Funziona tutto a meraviglia, dall’inizio alla fine: l’anziana riccona alla ricerca del nipote perduto, le lapidi fasulle, i diamanti, i benzinai-scagnozzi che si rincorrono, si incrociano in destini tanto imprevedibili quanto improbabili.

Family Plot by Alfred Hitchcock - Complotto di Famiglia
Family Plot by Alfred Hitchcock - Complotto di Famiglia

Tutti riuniti in questo film ingiustamente misconosciuto e perfino ridicolizzato per via del misero budget con cui fu realizzato, col suo piccolo esercito di volenterosi attori del lato B di Hollywood, scelti dal maestro per la loro bravura ed espressività lontana dal glamour compassato degli anni ’40 e ‘50. C'è uno strepitoso, giovanissimo Bruce Dern, per dire.

Family Plot by Alfred Hitchcock: Bruce Dern
Family Plot by Alfred Hitchcock: Bruce Dern

Certo, i tempi sono cambiati: il divismo Hollywoodiano cambia faccia, decostruito dalle pennellate camp degli anni '70: si avvicinano a larghe falcate gli anni '80, e con essi uno stuolo di serie TV (destinate a creare un nuovo immaginario) con personaggi disegnati a tutto tondo, cattivissimi e affascinanti, spesso con il pallino per l’intrigo, e sempre elegantissimi.

Larry Hagman
Larry Hagman

Saghe infinite, come Falcon Crest o Dallas, con personaggi vacui e cattivoni in stile JR - l'inarrivabile e compianto Larry Hagman - o il mitico Cuore e batticuore, con il fascinoso Robert Wagner, la bella moglie cotonata Stefanie Powers e il burbero maggiordomo Max, tutti presi dal loro avventuroso ménage di investigazioni fatte in casa.

Cuore & Batticuore - Robert Wagner e Stephanie Powers
Cuore & Batticuore - Robert Wagner e Stephanie Powers

I protagonisti di Family Plot aprono un po’ la strada a questi personaggi dai caratteri forti, spigliatamente televisivi, superficiali e un po' intriganti. Il che dimostra, una volta di più, l’inclinazione felicemente commerciale del Maestro, in grado di produrre piccoli e grandi capolavori sempre al passo coi tempi e innovativi, riducendo al minimo gli inutili svolazzi stilistici. Solo tanto, buon vecchio cinemasuspense e un po’ di sana ironia.

Barbara Harris in Complotto di Famiglia
Barbara Harris in Complotto di Famiglia

Molti sminuiscono questa fase finale della carriera del regista inglese: con intollerabile snobismo, mi sia consentito aggiungere. Questo film non è “tardivo” o “minore” né tantomeno “poco riuscito”: è un film divertente, ben congegnato e visivamente delizioso. Credo che i protagonisti si siano proprio divertiti un sacco a girarlo. Il Maestro non camminava quasi più, ma girò ogni scena con l'energia di sempre, seppur paralizzato nella sua poltrona, fino all’ultimo ciak.

Hitchcock sul set di Complotto di Famiglia
Hitchcock sul set di Complotto di Famiglia

Il film ci intrattiene e per due ore ci trasporta in una realtà parallela a colpi di boutades, intrecci, piccoli misteri, nuovi e antichi misfatti. Immaginate un episodio del Tenete Colombo prima maniera diretto da Hitchcock, e vi sarete fatti un’idea!

Barbara Harris: so cheeky ;-)
Barbara Harris: so cheeky ;-)

Da non perdere gli improbabili inseguimenti che culminano nel piccolo bar di montagna, ricostruito interamente in studio, teatro di sordidi incontri clandestini. Da ammirare la scena del labirinto al funerale, ricca di interessanti simbologie: una piccola summa filmica sui cammini paralleli dapprima intravisti da lontano e che lentamente, ma inevitabilmente, arrivano a incrociarsi.

Family Plot by Alfred Hitchcock - Complotto di Famiglia
Family Plot by Alfred Hitchcock - Complotto di Famiglia

Tutto da vedere…in inglese!
Noleggiate il DVD e guardatelo in originale, per non perdervi le voci dell’oltretomba di Blanche (Barbara Harris) e il timbro a dir poco suadente del crudele Arthur (un eccezionale William Devane, e che occhi!).

William Devane in Family Plot
William Devane in Family Plot

Menzione speciale per la magnifica Karen Black, scelta per la sua impressionante somiglianza con Faye Dunaway, ma poi apprezzatissima per il suo fascino e la sua bravura, del resto già ampiamente dimostrata dall’attrice nel suo triplo ruolo nella mitica Trilogy of Horror del 1975, altro piccolo grande cult movie.

Karen Black in Family Plot
Karen Black in Family Plot

Bellissima anche la colonna sonora affidata a John Williams, già reduce dal successo ottenuto con Lo Squalo, e degno successore di Hermann, il compositore storico dei primi film di zio Alfred. Cameo di Hitchcock sotto forma di silhouette: inconfondibile. Spoilerone, non resisto: eccolo qui.

Il Cameo di Hitchcock in Complotto di Famiglia
Il Cameo di Hitchcock in Complotto di Famiglia

Buona visione, e fatemi sapere se anche secondo voi questo bellissimo film proprio non meriterebbe un po’ più di affetto e considerazione.

Family Plot by Alfred Hitchcock - Complotto di Famiglia
Family Plot by Alfred Hitchcock - Complotto di Famiglia
Family Plot by Alfred Hitchcock - Complotto di Famiglia
Family Plot by Alfred Hitchcock - Complotto di Famiglia

martedì 18 gennaio 2011

Gli Haiku del dubbio

martedì, gennaio 18, 2011 0
In bilico tra confessione ed esplorazione, l'anima s'interroga, introspettiva.
Ci sono risposte celate nel silenzio della notte: la Natura, le conosce tutte.
Allora, lo sguardo, si rivolge a lei.
Ecco gli Haiku del dubbio. Se vuoi leggerli, clicca qui.

venerdì 14 gennaio 2011

Il sorriso del Jolly Joker

venerdì, gennaio 14, 2011 4



















Serata estiva dai nonni al mare.
Dopo una cena con cotolette impanate, formaggio e un goccio di vino, sul balcone arriva una brezza gentile. Come una lampadina spenta, ma ancora incandescente, il mare rilascia il calore che ha accumulato durante il giorno, accarezzato dal vento.
I pini marittimi ondeggiano appena, miagolano i gatti, le rane nel fosso si preparano a gracidare all’unisono, e le bici sono in garage.
E’ il primo di luglio.
Nel condominio hanno tutti finito di cenare prima del tramonto, e qualcuno si gode una sigaretta, i gomiti appoggiati al davanzale, braghe corte e camiciotto, ciabatte e sguardo vago all’orizzonte.
Costruzioni tutte uguali, schierate tra il mare e la via Aurelia, lunga e trafficata arteria sorta in epoca romana e oramai del tutto priva del suo antico fascino. Non è più lastricata ma foderata d’asfalto, e di giorno diviene rovente fin quasi a sciogliere la suola dei mocassini, e quando piove emana quell’odore umido di catrame caldo tipico dei luoghi dove il sole batte a lungo senza l’ombra di un bosco. Solo aiuole e giardinetti dove portare il cane a far pipì, o posare una ciotola di latte per i gatti randagi.

Gli abitanti di Torino amano l’atmosfera monotona e a suo modo rilassata dell’estate ligure.
Come gitanti, ci si riversano in massa, in frotte organizzate provenienti dall’autostrada per cercare un po’ di pianificato riposo, tra facce conosciute, sempre più anziane, e un clima mite, piacevolmente arieggiato.
Il vento. Che Torino non c’è. Mai.
Le Alpi lo bloccano, lo dirottano, lo tramutano in aria timida e immobile.
Sono rare le giornate in cui uno spiffero riesce a fare breccia tra i valichi e scendere a valle, rari giorni dal sapore vagamente esotico, eroico come Annibale che attraversa le montagne del Brutium, con gli elefanti, per giungere a Roma.

Dal mare della Riviera sale ora un respiro di salsedine.
Il vento indugia tra gli alberi per poi raggiungere le colline a est, e nel frattempo ha già asciugato i calzini che avevamo steso a file sul balcone.
Passa un treno mentre qualcuno ancora si gode, tardivo, la sigaretta del dopocena. Le signore impilano i piatti nel cucinino, e dalla finestra ammirano con trasporto non i colori del tramonto, ma i panni stesi prima di cena, già quasi asciutti. Queste sì, son soddisfazioni.
E’ quasi l’ora di uscire per la passeggiata serale, buona per digerire e magari mettersi un paio di scarpe, per gli uomini altrimenti inciabattati per tutto il giorno, e un filo di rossetto per le signore.
Per i bambini, è il momento del gelato.
Magari fosse tutte le sere, la passeggiata.
Certe sere si rimane chiusi in casa a guardare la puntata su Raidue.
La Tv. L’elettrodomestico più amato della casa, seguito dalla lavatrice. Sarà per via del telecomando, moderna versione dello scettro regale, o del bastone pastorale del Papa.
Telecomando…a chi lo impugna viene automaticamente riconosciuto un certo potere, ed è un delirio insito nel termine stesso:“comando”.
Che cosa fanno i bambini, in queste serate senza gelato?
Si annoiano. Ma i grandi, si sa, per la Tv hanno un’insana fissazione.
E anche per le carte.
L’accoppiata serata Tv con gioco di carte annesso è un vero spauracchio, peggio del Babau o del minestrone di spinaci.
In quelle serate arrivano i vicini del condominio a destra, quello che non vede il mare.
Vengono da noi per il panorama che c’è, anche di notte: il mare non si vede più ma le luci del lungomare sì. Da casa loro vedrebbero solo un altro balcone dal loro balcone, dove di giorno non possono neanche uscire un attimo in mutande a leggersi il giornale, o sparlare a voce alta delle miserie altrui: i dirimpettai , per niente amabili, non se ne perdono una.

Siamo in una di quelle serate.
Si sono già formate le coppie che si fronteggeranno a Scala quaranta.
Queste partite non sono mai avvincenti: nessuno bara, i giri sono lenti, vincono sempre gli stessi.
La Tv gracchia. Ticchettii in sottofondo.
La noia già si taglia con il coltello.
I bambini, anzi, la bambina, perché ahimè, ce n’è solo una, guarda i grandi giocare.
Tiene il conto dei punti con la matita su un blocchetto ingiallito con su il logo di una macelleria locale.
Ogni tanto mischia le carte. Quelle carte dal vago odore di pergamena, unticce e ingiallite agli angoli.
Sono le carte da Ramino della Dal Negro, con le loro regine attempate e racchie, i re accigliati dalla barba canuta e i Jack pallidi e biondicci.
E poi, lui.
Il Jolly.
Il Jolly Joker, inspiegabilmente inquietante.
Un satrapo ammiccante, un giullare Medievale con la cera da alcolizzato.
Forse un picaro, o il figlio illegittimo di un legionario e una sacerdotessa vestale con il mal sottile. Perché quell’espressione crudele, quel sorriso di sfida, quella cupidigia dipinta negli occhi? A chi ammicca, quali segreti nasconde sotto quella collana di carte?

Il suo sorriso sardonico mi atterrisce e mi affascina: mi trasporta, via, lontano da quella tavola di vecchi, verso paure recondite e desideri sconosciuti.

Quando sbuchi fuori dal mazzo e sorridi, Jolly Joker, di colpo ti vedo seduto accanto a me, a porgermi una coppa di vino avvelenato; oppure ti scopro a spiarmi dalla serratura, mentre bisbigli anatemi per non farmi dormire, e chissà quali altri sordidi disegni hai in serbo, che non ho ancora scoperto.

Così ti insinuavi nelle nostre serate, e non eravamo più quattro pensionati e una bambina attorno a un tavolo per giocare a Scala quaranta, oh no.
Era una caccia all’uomo.
Tutti ti cercavano, Jolly.
Perché tu potevi trasformarti in qualsiasi carta.
Beffarda promessa di vittoria, esercizio di fantasia e libero arbitrio.
Tutti vorremmo cambiare faccia così, a ogni giro di carte. Vorremmo anche noi indossare i sonagli e ridere, folli, insensati, errabondi e selvatici. Questo si cela tra le pieghe della tovaglia, e in qualche anfratto del nostro essere.
Cercare il tuo sorriso, per sublimare desideri mai scandagliati, sconosciuti, profondi.

La risata del Jolly Joker echeggia nella stanza.
All'improvviso serpeggia, tra il brusio della Tv accesa e l’odore di fritto delle cotolette, un brivido.

Fujioka, 13/1/2011

giovedì 13 gennaio 2011

I love you, Australia!

giovedì, gennaio 13, 2011 2
Coraggio, Australia.
No, non sarà l'acqua a metterti in ginocchio, isola giovane, isola bella e grande, isola ricca e generosa.
Il mio pensiero in questi giorni va a te, Queensalnd, alla splendida Townsville sott'acqua, e a tutti gli abitanti della costa est. Con affetto e riconoscenza.

lunedì 10 gennaio 2011

Le piccole fiabe di Cristina Notturno

lunedì, gennaio 10, 2011 5
I gufi di Cristina Notturno
I gufi di Cristina Notturno
Animaletti notturni, bambine dispettose, cappuccetto rosso e il lupo sotto forma di ciondoli e orecchini sbucano tra gli alberi di foreste abilmente disegnate...oppure fanno capolino dalle finestre di tante casette dalla forma allungata.Tratti sottili tracciati dalla penna sul foglio.

I gufi di Cristina Notturno
I gufi di Cristina Notturno

E’ il mondo di piccole fiabe che Cristina Notturno crea e disegna, materializza con colori vivaci e giocosi, un mondo delicato e minimale ispirato da… che cosa? Chiediamolo a Cristina!

Cristina, a che cosa ti ispiri per creare il tuo mondo?
Non sono io a ispirarmi, non sono io a cercare i miei animaletti e le mie bimbe...sono loro che vengono da me. Io li chiamo ”i miei sogni ad occhi aperti”, li immagino all'improvviso.

I gufi di Cristina Notturno
I gufi di Cristina Notturno
Quando e com’è nata questa tua passione?
La passione per il disegno ce l'ho da sempre. I bijoux, invece, ho iniziato a crearli da ottobre, da quando ho scoperto il modo per poterli disegnare a mano. L'importante per me è che ogni mia creazione parta da un disegno.

I gufi di Cristina Notturno
I gufi di Cristina Notturno

Con quali materiali lavori?
Per i bijoux utilizzo il polyshrink; per i quadri uso soprattutto penna, acquerelli ed ecoline.

I gufi di Cristina Notturno
I gufi di Cristina Notturno


Di quali utensili ti avvali per creare i tuoi oggetti?
Si può dire che crei tutto a mano, visto che tutti i miei bijoux sono disegnati uno per uno e non stampati.

I gufi di Cristina Notturno
I gufi di Cristina Notturno

Una curiosità: hai un nome bellissimo! E’ uno pseudonimo o ti chiami davvero così?
Grazie! Mi chiamo davvero così, Cristina Notturno. Tra l'altro è un cognome che mi rispecchia; amo molto la notte e le sue creature, soprattutto i gufi!

I gufi di Cristina Notturno
I gufi di Cristina Notturno
I gufi di Cristina Notturno

Se siete interessati alle bellissime creazioni di Cristina, potete mettervi in contatto con lei, qui.

I gufi di Cristina Notturno
I gufi di Cristina Notturno

domenica 9 gennaio 2011

Un’arena di stili: style-arena made in Japan

domenica, gennaio 09, 2011 6
In Tokyo - foto di Elisa Chisana Hoshi
In Tokyo - foto di Elisa Chisana Hoshi
Creare il proprio stile - o almeno provarci - è una delle regole fondamentali che vige, non scritta, nelle grandi metropoli modaiole. Distinguersi, sfoggiare con disinvolta sfrontatezza una mise che attiri attenzione e consenso e che riesca a stupire, ammaliare, cogliere l’attenzione della propria cerchia di amici, ma soprattutto, a Tokyo, dei numerosi passanti confusi e distratti.


Distinguersi soprattutto per riconoscere la propria unicità, affermare un’identità e il proprio essere uguale a nessuno, in questo grande acquario di pesci in vetrina che è il centro di Tokyo, dove ogni look è studiato con meticolosità, dal ciondolo del cellulare agli strass sulle unghie, fino al taglio di capelli che esprime il cambio di stagione, alla ricerca del boccolo che non c’è.

In Tokyo - foto di Elisa Chisana Hoshi
In Tokyo - foto di Elisa Chisana Hoshi
Se volete dare un’occhiata agli ultimi trend della stagione, potete farlo su questo sito, bellissimo e sempre aggiornato, tutto made in Japan: Style Arena, cliccabile anche in inglese, cantonese e coreano. Ogni volto un look, analizzato in dettaglio con tante foto in dettaglio degli stili più interessanti che si possono incontrare tra le strade della capitale nipponica, nonché una carrellata dei negozi imperdibili in cui trovare molti degli accessori necessari per brillare nell’arena.



Non tutti, ovviamente: perché ogni street style è frutto, come sappiamo, di meticolose ricerche personali nei meandri più segreti della e delle città!

In Tokyo - foto di Elisa Chisana Hoshi
In Tokyo - foto di Elisa Chisana Hoshi
Un sito molto carino e soft (niente lolite gotiche o invasati travestiti da cartoon) dove trovare idee e spunti per un look fresco di stagione, ottimo se si vogliono tenere d’occhio gli stili metropolitani, i nuovi trend e il meglio del fashion made in Japan.

In Tokyo - foto di Elisa Chisana Hoshi
In Tokyo - foto di Elisa Chisana Hoshi

venerdì 7 gennaio 2011

L’uomo dalla giacca di Leopardo

venerdì, gennaio 07, 2011 1

Camminare, per andare dove?
Ha importanza nella Metropoli?
No. Nessuna.

Siamo in tanti, in troppi, tutti vicini ma la contiguità spaziale non ci rende un gruppo, non ci fa meno soli o più congregati, perché nulla ci accumuna se non incognite che ci sfuggono e non possiamo indovinare.

Le spalle sfiorano altre spalle, contatti accidentali, coscia a coscia, corpi coperti, sudore sotto strati di vestiti e umori celati dalle polveri sottili e dal deodorante, nonostante l’atmosfera da Gran Bazar a Tokyo tutto è sterilizzato e sottovuoto, asettico, anche le persone.
Con un po’ di fortuna troveremo uno sguardo a illuminarci per un attimo e di quello ci scalderemo, ne fantasticheremo a lungo, per poi dimenticarcene a breve, per sempre, distratti da un altro sguardo forse più complice o con più mascara, magari seguendo la scia di un profumo, o il chiasso di un colore.

Ognuno va e non possiamo indovinare dove, sono troppe le possibilità, oltraggiosamente innumerevoli le variabili in gioco, e allora immaginiamo bivi e porte scorrevoli, treni e auto, camere d’albergo e ristoranti, e tutto è plausibile.

Dove vanno, a che pensano, a che ora hanno pranzato, dove dormiranno, perché ridono, magari sono felici, magari si sentiranno soli a volte, ma che si dicono, se mi urtano, perché fanno finta di niente, che cosa nascondono sotto i cappelli, ma soprattutto, cosa c’è in tutte quelle borse?
Non lo sapremo mai.

C’è un momento in cui i nostri percorsi si uniscono, prevedibilmente, senza frenesia e senza traumi.
Ci fermeremo, condivideremo lo spazio e staremo in silenzio gli uni accanto agli altri, fiato a fiato, piede a piede, borsa a borsa, vicini come non mai, rassicurati, unanimi.

E’ la magia dei semafori, che ci fanno fermare e stare tutti vicini, zitti, prima di attraversare la strada.
Per un breve momento la contiguità spaziale ci accomuna, perché siamo certi di andare tutti dalla stessa parte e siamo vicini a costoro, ignoti, eterogenei, imprevedibili esseri umani che popolano le strade delle città.

E’ bello guardarsi attorno e osservare le facce di chi sta per attraversare, quei corpi, indovinarne il passo, il rumore dei tacchi, l’ampiezza della falcata, lo scatto per raggiungere l’altro lato della strada…

Siamo autorizzati a gettare quello sguardo, il meno clandestino degli sguardi della metropoli.
Scatta il verde, e tutti vanno, già avvezzi, pronti a sparpagliarsi a raggiera, a file, a gruppetti, ad anse, a grappoli, oppure in solitaria, e c’è chi corre e chi cammina svelto, e perfino chi sbuca dal nulla.

Come lui.
L’uomo dal cappotto di leopardo.
Le mani in tasca, solo, non faccio in tempo a vederlo in viso, scatto una fotografia, l’incrocio delle scapole, il passo deciso e questo cappotto portato con una certa fierezza, un pugno in un occhio, un frutto acido al morso, una sorsata d’acqua torbida, una nota stonata suonata fuori tempo che diventa, quindi, miracolosamente assonante.

Da dove è sbucato?
Prima non c’era, tra la folla ad attendere il verde, deve essere arrivato dopo, all’ultimo, o forse si è materializzato solo adesso, chi può dirlo?
Passa, non si gira, non volta quella testa biondo-rosa, quelle spalle ben disegnate non apparterranno mai a un volto, né di uomo né di ragazzo, né di nulla che non sia un’immagine un poco sfocata, iridescente di luci e senza sorriso, il sorriso è dall’atra parte, quella facciata che non vedo, da questa parte ci sono solo le spalle.

Dove vai, uomo dal cappotto di leopardo, un poco distaccato da gli altri e solo, solo senza una borsa, senza un cappello, senza un destino, senza un volto cui associare un nome?
Ho l’impressione che tu non vada da nessuna parte.

Tu passi, illumini e sparisci, stretto nel tuo cappotto di leopardo dalle tasche sottili, gli occhi velati di noia e la bocca asciutta di parole che hai taciuto sotto i tuoi capelli rosa come un piumino di cipria.


Tokyo, 7 Gennaio 2010.

mercoledì 5 gennaio 2011

Kawaii! Ovvero l’equivalente giapponese del Kinder Sorpresa…

mercoledì, gennaio 05, 2011 0
“Che, c'hai due monete da 100 yen?” ;-)

Sono schierati all’uscita del supermercato, oppure appena fuori dall’ufficio postale, o ancora nel centro commerciale e nella sala giochi, all’uscita del ristorante, vicino al convenience store… Basta inserire la moneta, girare la manovella e plof! Il gioco è fatto. Ce ne sono per tutti i gusti, di tutti i colori e per tutti gli sfizi. Si può scegliere tra i Pokemon, Snoopy and friends, Super Mario, Hello Kitty, i Transformers, la banda Disney, gli anime super-giapponesi…e un miliardo di altri!

Le capsule stations, ovvero i distributori di pallette-gadget, sono un po’ ovunque, ovunque ci sia da tirar fuori il portafogli perché si sa, dopo che hai pagato e ti han dato il resto, avrai tante belle monetine in più ad appesantire il borsellino.


E allora alleggeriamolo un po’ questo borsellino, disfiamoci dei pezzi da 100 yen, più o meno l’equivalente del nostro euro, con la scusa di far felici i pargoli (anche cresciutelli) con un oggettino che arriva in una simpatica pallina a sorpresa. Un po' l'equivalente giapponese del nostro Kinder Sorpresa! Ma senza il cioccolato intorno…Che cosa ci sarà dentro queste a fantomatiche palle? Andiamo a scoprirlo. Quante cose super Kawaii!

Tante graziose sorpresine, dai 100 yen in su: dal semplice charm per il telefonino al peluche che si illumina al led, dall’antistress che cambia colore al tatto fino agli accessori da cucina…tutto in miniatura, ovviamente!


Ogni settimana si cambia assortimento, le “amabili macchinette” vengono rifornite di tutto punto, per essere sempre colme colme fino all’orlo, pronte ad elargire pallette a più non posso!


E c’è chi ha messo in piedi intere collezioni! In queste foto, una parata dedicata all’Orsetto Rilakkuma in tutte le sue declinazioni, eroe degli anime giapponesi, amatissimo da tutti, senza eccezioni!


Il suo nome deriva dalla fusione dei termini giapponesi Rila (relax) e Kuma (orso)…kawaii!


Ed ecco come si presentano le pallette prima di essere aperte!


L’effetto-sorpresa attizza, non c’e’ niente da fare! Dentro questa palla cosa c’era? Un Transformer

Con un po’ di pazienza (e parecchie monetine tintinnanti da 100 yen) si può perfino costruire un intero robot Transformer, ma quante pallette ci vorranno? Lo so: troppe! Che cosa farsene, di un tale adorabile esercito di (come si chiamano a Torino) ciapa-ciapa? Niente! Non vale lo stesso per le sorprese degli ovetti Kinder? Beh sì, ma lì almeno si mangia un po’ di cioccolato…


@elisachisanahoshi

Follow Me