Il fotoromanzo: Sono Davvero Felice

/
0 Comments
Provate a immaginare un gruppo di amici che si raccontano le vicendevoli sventure, particolari piccanti compresi; immaginate ora i protagonisti di tali racconti che all'improvviso prendono vita, colorati e imparruccati, ricchi di pathos e imprevedibili, in bilico tra avventure inenarrabili e intricatissime.... Non ci riuscite

La Fantasia è il belletto della Realtà
Ci è riuscito invece benissimo Livio Robaldo, caro amico di vecchia data, che con spirito istrionico e moderna ispirazione picaresca ha sceneggiato e impersonato un'ampia e assortita galleria di personaggi che hanno animato, nel bene e soprattutto nel male, una decade di racconti di vita dei suoi amici. Quei personaggi improbabili che come meteore sono passati e hanno causato scompiglio nelle nostre vite - anche se solo di riflesso - Livio li ha studiati, ha dato loro corpo e voce. Partendo dalla realtà ha costruito trame intricate e salaci, svelato altarini e trovato corrispondenze nascoste agli occhi degli stessi protagonisti, per poi catture il tutto tra le pagine di un fotoromanzo, da lui interamente diretto a interpretato: ed ecco a voi, Sono Davvero Felice!

La Signora Spumonti in Sono Davvero Felice

Il fotoromanzo
Rispolverando la tradizione tutta italiana del fotoromanzo, riveduta e aggiornata, Livio ha impersonato querule fanciulle in sovrappeso, mafiosi e "sciure" in pericolo, azzeccagarbugli e profittatori, con incursioni nella farsa boccaccesca (anch'essa di solida tradizione italica) e nel soprannaturale. Così, tra colpi di scena e intrighi en travesti, il racconto ci accompagna per 80 tavole, più una introduzione dell'autore, che in un'accorata apostrofe avverte i suoi lettori: 

Se prediligi la velata ironia e il motto arguto alla giovialità sboccata, forse non dovresti davvero leggere oltre...

Sono Davvero Felice si può leggere on-line qui! E noi, senza dubbio alcuno, vi consigliamo di farlo!


Nessun commento: